Roma Vs Dublino: Un Confronto Fra Le Due Capitali

Abbiamo già visto che ai romani non piacciono tanto i paragoni,  ma avendo vissuto per molto tempo sia a Roma che a Dublino, volevo cercare di fare un confronto tra gli approcci che le due città hanno verso la mobilità. Le differenze sono certamente profonde ma recuperare il terreno perso, vedremo, non sarebbe poi tanto difficile e non avrebbe bisogno di grandi investimenti, ma implicherebbe un cambio di paradigma e di mentalità ostacolato da molti.

A Dublino, come in tante altre città europee e non, si parte dall’ovvia constatazione che impostare la mobilità sulla macchina privata è stato un fallimento: dalla congestione all’inquinamento, le enormi esternalità negative dell’auto, usate ormai da tempo come esempio in quasi tutti i testi di economia moderni, sono facilmente visibili e analizzabili. Uscendo dal raccordo si scopre quindi che la soluzione alla cosa è abbastanza semplice, visto che è sufficiente seguire i consigli degli stessi libri di testo, disincentivando cioè le auto private (con tasse e restrizioni) e incentivando il trasporto pubblico (rendendolo più efficiente, anche con i soldi generati dalla tassazione di quello privato).



Venendo al dunque, la prima differenza che si nota arrivando a Dublino, prendendo il taxi o il bus per il centro, è l’onnipresenza di corsie preferenziali. Se vi è più di una corsia, sembra essere quasi obbligatorio avere una bus lane. Praticamente a costo zero, si incentiva così il trasporto pubblico e si disincentiva quello privato; non c’è bisogno di scavare o inventarsi chissà cosa. Che gli autobus aspettino nel traffico come tutti è considerato, giustamente, una cosa assurda: quando Pearse Street, una delle strade importanti che collega il sud con il centro, ha iniziato a essere congestionata, hanno subito messo una bus lane, facendo un ragionamento inverso a quello che purtroppo viene fatto qui. (E anche lì c’è, purtroppo, l’opposizione di un gruppo della popolazione miope – come alcuni dei miei zii – che si lamenta dell’aumento del tempo di percorrenza delle auto private, ma che sembra ignorare la nuova possibilità di prendere il bus e metterci un quarto del tempo rispetto a quando non c’era la preferenziale). Quando il tempo impiegato in macchina diventa il triplo rispetto all’autobus o tram, anche un convinto maghinaro romano potrebbe convertirsi ai “mezzi” e, aumentando la proporzione e tipologia della popolazione che li usa, anche l’interesse politico a garantire un servizio decente diventa più forte.

Sono un ciclista romano,
e non posso non aver notato le tantissime bike lanes, quasi tutte semplicemente disegnate sull’asfalto. Non mi soffermo tanto sulla cosa, ricordo solo quanto l’ex assessore alla mobilità Esposito fosse al passo con i tempi quando definiva questo tipo di ciclabili pericolose e non implementabili (ma, chissà perché, presenti in tutta Europa). Anche i 5 stelle, nonostante le tante promesse, non mi sembra abbiano fatto molto.



Arrivando nel centro di Dublino ci si rende conto che sono in corso dei grandi cambiamenti. Delle arterie principali – come College Green e Dame Street, ma anche Nassau Street e Suffolk Street – sono praticamente chiuse al traffico, o comunque sono aperte solo a determinate ore, per la costruzione di una nuova linea del tram e del collegamento tra le due già esistenti. Dove viene trovato lo spazio per costruire il tutto? Semplice: viene levata qualche carreggiata alle strade che ne hanno più di una, o si chiudono completamente le vie al trasporto privato. In pochi anni, e nel mezzo di una crisi economica
da cui sta lentamente riuscendo, Dublino riesce così a collegare le sue due linee di tram (la verde che fa sud-centro, la rossa che fa est-ovest) con la Dart (servizio suburbano che fa la costa da nord a sud) e a costruirne una nuova (la blu che andrà da nord a centro) a costi molto più limitati rispetto ad una metro.


Altra cosa che sorprende il romano all’arrivo è la quasi totale mancanza di  macchine parcheggiate in giro. I parcheggi all’aperto sono pochi, tutti rigorosamente a pagamento(sui 3 euro l’ora), anche in zone non proprio centrali (vedi foto), e chi va a fare spese in centro la mette nei parcheggi al coperto dei vari centri commerciali, pagando il dovuto. Solo a Roma il parcheggio a pagamento viene visto come un sopruso ai danni dei cittadini: è invece un ovvio disincentivo all’uso e acquisto di auto private, oltre che una fonte di rendita da poter utilizzare per incentivare il trasporto pubblico.


Si rimane poi stupiti
dal numero di taxi in giro per la città. Nel 2000 il mercato è stato infatti liberalizzato e ora la densità di taxi per abitanti è il doppio di quella romana. Per chi non vuole prendere il taxi in maniera tradizionale, ci sono poi varie applicazioni – Uber, Lyft, Gettaxi o quelle degli stessi taxi– che permettono di fare il tutto con pochi click. Non a caso la sera è difficile incontrare auto private: perché prendere la propria auto per uscire la sera quando posso evitarmi lo stress e costo del parcheggio ed eventuali controlli per l’alcool (assenti purtroppo a Roma)? Chi è a favore di una liberalizzazione del mercato dei taxi non è quindi un venduto alle multinazionali americane che vuole togliere il lavoro a dei poveri (?) tassisti: aumentare l’offerta nel mercato, abbassarne i costi, e migliorarne la qualità rientra semplicemente in una normale ottica moderna di disincentivo all’uso e al possesso della macchina. Non bisogna essere “prezzolati di Uber”,  come suggerito da alcuni commentatori di questo post, per pensarla così.


E’ questo quindi l’approccio di città moderne che devono rispondere alla congestione e al fallimento del trasporto privato, garantendo trasporti efficienti ai propri cittadini e quindi un normale sviluppo dell’economia. Cambiare mentalità e impostazione non ha dunque grandi costi materiali, ma non è di certo indolore: ci sarà sempre una parte della popolazione pigra, non lungimirante e avversa al cambiamento che si batterà per il mantenimento dello status quo. Nella realtà romana questa parte costituisce purtroppo una fetta corposa della popolazione: basti considerare la reazione all’ovvia e sacrosanta pedonalizzazione dei Fori (che è stata, a mio parere, il peccato originale di Marino, visto che da lì è nato l’odio di molti romani verso l’ex sindaco); o ai sit in e piagnistei disperati davanti al Campidoglio che alcuni romani farebbero, in crisi di astinenza da caffeina, perché impossibilitati a parcheggiare in quinta fila davanti al loro bar preferito, dopo l’inizio di un normale uso dello street control.

Non c’è da essere quindi troppo ottimisti: se i cittadini (si spera) guidano le decisioni di una città, forse nessuna realtà politica, per quanto innovativa come i 5 Stelle, è in grado di convincere l’elettorato della necessità di cambiamenti radicali e di resistere alle forti pressioni di chi, per interesse o pigrizia, vuole lasciare Roma nella sua attuale condizione.

(Piaciuto il post? Seguici in corsia preferenziale su Facebook o su Twitter )

 

3 thoughts on “Roma Vs Dublino: Un Confronto Fra Le Due Capitali

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s